Clicca sull'immagine per ingrandirla
Yiannis Ritsos Le cose elementari

In modo maldestro, con ago grosso, con
filo grosso,
si attacca i bottoni della giacca. Parla
da solo:

Hai mangiato il tuo pane? Hai dormito tranquillo?
Hai potuto parlare? Tendere la mano?

Ti sei ricordato di guardare dalla finestra?

Hai sorriso al bussare della porta?
Se la morte c’è sempre, è la seconda.

La libertà è sempre la prima.

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Altre Citazioni

Altre Poesie

Statua di Jorge Debravo che legge un libro

Jorge Debravo
Noi uomini

Vengo a cercarti, fratello, perché porto la poesia,
che è come portare il mondo sulle spalle.
Sono come un cane che ruggisce solo, latra
alle belve dell’odio e dell’angustia, […]

Vai Avanti »

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci