Clicca sull'immagine per ingrandirla
William Shakespeare Sonnet 71

No longer mourn for me when I am dead 
Then you shall hear the surly sullen bell 
Give warning to the world that I am fled 
From this vile world, with vilest worms to dwell: 
Nay, if you read this line, remember not 
The hand that writ it; for I love you so 
That I in your sweet thoughts would be forgot 
If thinking on me then should make you woe. 
O, if, I say, you look upon this verse 
When I perhaps compounded am with clay, 
Do not so much as my poor name rehearse. 
But let your love even with my life decay, 
Lest the wise world should look into your moan 
And mock you with me after I am gone.

HERE the Italian version

Read by Jamie Muffett

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Illustrazione con i morti che volano in cielo guardano verso la terra

Billy Collins
I morti

I morti ci guardano sempre dall’alto, si dice,
mentre mettiamo le scarpe o facciamo un panino,
ci guardano dal fondo di vetro delle barche del cielo
mentre remano lenti attraverso l’eternità. […]

Vai Avanti »

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares