Clicca sull'immagine per ingrandirla
Walt Whitman O Capitano! Mio Capitano!

O Capitano! mio Capitano! il nostro viaggio tremendo è finito,
La nave ha superato ogni tempesta, l’ambito premio è vinto,
Il porto è vicino, odo le campane, il popolo è esultante,
Gli occhi seguono la solida chiglia, l’audace e altero vascello;
Ma o cuore! cuore! cuore!
O rosse gocce sanguinanti sul ponte
Dove è disteso il mio Capitano
Foto di Walt WhitmanCaduto morto, freddato.

O Capitano! mio Capitano! alzati e ascolta le campane; alzati,
Svetta per te la bandiera, trilla per te la tromba, per te
I mazzi di fiori, le ghirlande coi nastri, le rive nere di folla,
Chiamano te, le masse ondeggianti, i volti fissi impazienti,
Qua Capitano! padre amato!
Questo braccio sotto il tuo capo!
É un puro sogno che sul ponte
Cadesti morto, freddato.

Ma non risponde il mio Capitano, immobili e bianche le sue labbra,
Mio padre non sente il mio braccio, non ha più polso e volere;
La nave è ancorata sana e salva, il viaggio è finito,
Torna dal viaggio tremendo col premio vinto la nave;
Rive esultate, e voi squillate, campane!
Io con passo angosciato cammino sul ponte
Dove è disteso il mio Capitano
Caduto morto, freddato.

 

Scena dal film “L’attimo fulgente” con Robin Williams

.

 

Comment

  • Ci sono film che lasciano un segno profondo, “L’attimo fuggente” certamente è stato uno di quelli. Come dimenticare il gradissimo Robin Williams o meglio il professor Keating.
    Solo che alle volte ci si dimenticano le parole che stavano dietro ad alcune scene splendide.
    “O capitano, mio capitano” sta sullo sfondo di una delle scene più belle ma spesso chi ammira il film non ha mai letto Walt Whitman.
    La poesia fu scritta da Whitman alla morte del presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, pubblicata lo stesso anno della morte su un fascicoletto e solo successivamente inserita nella raccolta “Foglie d’erba”.
    Ben vengano film come quello di Peter Weir L’attimo fuggente se servono a far conoscere certa poesia, certi sentimenti.
    Ve la ripropongo oggi con una lettura della poesia da parte di Paolo Rossini e con lo spezzone commovente del finale del film.
    Mi chiedo se oggi i ragazzi farebbero quello che quegli studenti fanno e in cuore spero di sì.
    Buona giornata 💔


Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!