POESIE

Stefano Benni
I cagnolini

C’era un cane così bassino
che quando nevicava
cinque orme lasciava
le quattro zampette e il pisellino
C’era un cane così grosso
che il campione russo dei pesi
Anatoli Firzuskij di Thilisi
non riusciva e sollevare il suo osso
C’era un cane così fedele
che quando il padrone morì
sopra la sua tomba aprì
una bancarella di ex-voto e candele
Fotografia di un cane bassotto nella nevecrisantemi e patate salate
e fece quattrini a palate
C’era un cane così educato
che faceva la cacca in un prato
e poi per non sporcare
prendeva un treno accelerato
e l’andava a buttare a mare
C’eran due cani così puzzolenti
che nessuna pulce li abitava
e anzi il padrone li usava
per pulire vetri e pavimenti
C’era un cane con una coda nera
ma così lunga, ma lunga così
che se gliela pestavano venerdì
faceva cai cai domenica sera
E c’eran due cani poliziotti
che davan la caccia ai delinquenti
e ai ladri e ai bugiardi mostravano i denti
un giorno videro Andreotti
e dovettero tenerli in venti.

Dalla raccolta “Prima o poi l’amore arriva.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!