POESIE

Rudyard Kipling
Filastrocche per piccoli indiani

Orsù, cantate una canzone da tre soldi,
acquistata a prezzo delle nostre vite –
di onesti gentiluomini inglesi
qui messi con le mogli ad arrostire

nelle pianure ardenti dell’india
dove come mosche poi si muore.
Non è questo un sano rischio
per guadagnarsi di che vivere?

C’è la febbre nella giungla,
c’è il tifo nel serbatoio,
e il colera lo può prendere chiunque,
senza riguardo al rango sociale.

E la morte è nel giardino,
in attesa che si passi,
dato che il krait è nel tubo dell’acqua
e il cobra è in mezzo all’erba!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!