POESIE

Roberto Roversi
La canzone di Orlando

Se tutti i monti fossero seminati a grano
se i cavalli in branco ritornassero al piano
volando fra erbe e fiori,
raccontando i miei amori
avrei ancora vent’anni
Anser anser che va

Ma nevica sulla mia mano,
il mio cavallo è ormai lontano,
notte nebbia negli occhi,
il ferro sul mio ginocchio,
l’arco e freccia non scocco
Anser anser che va

Tu, luce che vai alla foce
con una corsa veloce,
bagnami con un riso solo;
se i monti sono foreste
e le strade nelle tempeste
io mi fermo nel volo;

e potrò raccontare
la mia vita passata
e ti saprò aspettare
Anser anser che va

Per quelli che non conoscessero la storia, “Anser anser” è il nome scientifico dell’oca grigia (Greylag goose) con la cui invocazione si chiude il libro della Woolf.

L’Orlando cui si riferisce la poesia è quello del libro “Orlando” di Virginia Woolf.

Interpretata da Lucio Dalla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!