POESIE

Raffaele Viviani
‘O pezzente

Tu, pezzente, staie buono ‘e salute,
nun tiene cchiù scuorno:
te ‘mpuoste, apre ‘a mano,
e si’ certo c’a furia ‘e smestute,
c’a furia ‘e i’ attuorno,
te faie chiano chiano
chillo pizzeco ‘e lire, ca ogne anno
assomma a migliare:
senz’arte e né parte.
E durmenno, vestenno, magnanno,
t’abbusche ‘e denare
p’ ‘e mettere ‘a parte.
Ogne tanto ce scappa ‘o cazone,
‘a scarpa, ‘o cappiello,
‘a giacca, ‘a cammisa.
Niente tasse, nun pave pesone:
tu si’ puveriello,
t’hê fatta ‘a divisa.
Foto di Raffaele VivianiMagne e vive da vero milordo,
nisciuno te vede,
nisciuno te cura;
si’ pezzente: te’ cca n’atu sordo
e ognuno te crede
na trista criatura.
E tu, invece, staie buono ‘e salute,
nun tiene cchìù scuorno:
te ‘mpuoste, apre ‘a mano;
e si’ certo c’a furia ‘e smestute,
c’a furia ‘e i’ attuorno
tu si’ crestiano
d’abbuscarte, senz’arte e né parte
e senza vriogna
(pecché nun ne tiene),
assaie cchiù ‘e chi campa cu ll’arte,
chi stenta cu ll’ogne
sta vita de pene.
‘O pezzente si’ tu? no, songh’i’!
Ca si soffro, aggio voglia ‘e muri’!

Letta da Gianni Caputo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!