POESIE

Raffaele Viviani
‘A mamma

‘A mamma è n’ata cosa: ‘o cereviello,
ll’ asse d’’a casa, ‘o sciato, ll’ armunìa;
è chella ca cumanna ‘a cumpagnia:
sta ‘ncapa ‘o capo ‘e casa, è nu cappiello.

Attuorno tene sempe nu ruciello,
abbada a mille cose, fa ‘a Maria;
e si nun sbatte pe’ na malatia,
va ascianno sempe ll’ ago cu ‘o rucchiello.

Foto di una vecchia cucina con la mamma che lavoraA chi nu punto, a chi na cera storta,
a chi nu vaso, a chi n’ avvertimento.
E se capisce ‘a mamma quann’ è morta,
quanno nun ce sta cchiù sta scucciantona:
ca pare ca t’accide ogne mumento
e, doppo nu minuto, te perdona.

 

Letta da Gianni Caputo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!