Clicca sull'immagine per ingrandirla
Rafael Alberti Nocturno (IT)

Quando si soffre così tanto senza dormire
e si ascolta come nel sangue transiti solo rabbia,
come dentro le ossa tremi l’odio risvegliato
e come nelle midolla arda continuamente la vendetta,
le parole in quei momenti non servono a nulla: sono parole.

Pallottole, pallottole.

Manifesti, articoli, commenti, discorsi,
nuvole di fumo perdute, nebbie stampate.
Che dolore di carte spazzerà via il vento!
Che tristezza d’inchiostro l’acqua cancellerà!

Pallottole, pallottole.

Ora soffro per quanto povera, meschina, triste
disgraziata e morta è una gola
quando dall’abisso del suo idioma vorrebbe
gridare ciò che non può, perché impossibile, e tace.

Pallottole, pallottole.

Sento questa notte le parole ferite a morte.

Da “De un momento a otro” (1937)

Letto dallo stesso Autore

In musica da Paco Ibáñez

QUI la versione originale in spagnolo

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!