Clicca sull'immagine per ingrandirla
Pablo Neruda Io ti sognai una sera

Donna, fatta di tutte le mie finzioni riunite,
hai vibrato nei miei nervi come una maestà,
piangendo nei sentieri dell’illusione perduta
ho sentito il contatto della tua ignota beltà.

Avvizziti i miei sogni e le mie folli chimere
ti ho forgiata a pezzi celesti e carnali,
Foto soft di coppia BWcome una resurrezione, come una primavera
nella selva di tanti stupidi ideali…

Ho sognato la tua carne divina e profumata,
in mezzo a un morboso torturare del mio essere;
e anche se imprecisa, so come sei, amata,
finzione fatta maestà in carne di donna…

Io ti cerco negli occhi di tutte le donne,
ti cerco però mai ho potuto incontrarti,
e c’è nel disincanto, l’incanto che sei
o che sarai più bella di una donna volgare.

Ti sentiranno i miei sogni eternamente mia,
spuntare dalla bruma di tutte le mie tristezze,
come germinatrice di rare allegrie
che ravviveran la fiamma della tua ignota bellezza.

 

Letta da Paolo Rossini Parole|Note

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Silhoutte della Natività in una capanna

Fernando Pessoa
Natale

Nasce un Dio. Altri muoiono. Non ci è giunta
né ci ha lasciato la verità: muta l’Errore.
Abbiamo ora un’altra Eternità,
e ciò che è passato in fondo era migliore. […]

Vai Avanti »

Mary Dorcey
Summer

I want to be walking down an avenue in summer, my arm
about my beloved. I want the avenue tree-lined, my hand
along your waist, the boughs above our heads arched, the […]

Vai Avanti »

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares