Clicca sull'immagine per ingrandirla
Octavio Plaz Agua y viento

Distesa d’acqua scintilli
sotto un fulmine lascivo
il mio pensiero azzurro e nero.

Cammini per il bosco del mio sangue
alberi odorosi di seme
alberi bianchi alberi neri.

Abiti un rubino
istante incandescente
goccia di fuoco
incastonata nella notte
corpo senza limiti
in un’alcova minuta.

Il mare ti solleva fino al grido più bianco
l’edera del gemito mi conficca le unghie nella nuca
il mare ti squarcia strappandoti gli occhi
torre di sabbia che si sgretola
i tuoi lamenti scoppiano e svaniscono
galli neri
cantano la tua morte e la tua resurrezione.

Sul bosco carbonizzato
passa il sole con un’ascia.

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!