POESIE

Octavio Paz
Il fuoco d’ogni giorno

A Juan García Ponce

Come l’aria
disfa e fa
sulle pagine della geologia,
sui tavolati planetari,
i suoi edifici invisibili:
l’uomo.
Il suo linguaggio è un granello appena,
ma bruciante,
sulla palma dello spazio.

Sillabe sono incandescenze.
Piante, anche:
le radici
spezzano il silenzio,
i rami
alzano case di suoni.
Sillabe:
si intrecciano e sciolgono,
giocano
alle somiglianze e dissomiglianze.

Sillabe:
maturano in fronte,
fioriscono in bocca.
Le radici
bevono buio, mangiano luce.
Linguaggi:
alberi incandescenti
di fogliami di piogge.

Vegetazioni di lampi,
geometrie d’echi:
sul foglio di carta
il poema si fa
come il giorno
sulla palma dello spazio.

Da “Ritorno”

Letta da Domenico Pelini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!