POESIE

Maura Del Serra
Il canto di Penelope

Io fui Penelope, che viaggiò
nell’eterno ritorno della tela
e le notti e i giorni ruotanti dell’attesa
numerò con i battiti di telaio del mare.

Per lui lontano,
avvinto alla sua erratica vela<
tesa tra gli inferi e l’eliso,
io ero la sostanza del patto,
Il riposo nel finito
il letto radicato nella sua prima terra,
il futuro promesso e ricordato,
la lingua d’acqua dolce della ragione
dopo la sua fiammea lingua
d’ avventura e di guerra.
Ma mai, poté conoscermi.

Sposa e madre,
io restavo vergine e sola
nel suo ansioso abbraccio
come prima nel sordo tumulto
tra cotante di pretendenti.
Ero l’isola,
il senso lucido dello scoglio
al di là della marea.
Ulisse, la parola
io, Penelope, l’idea.

Letta da Lella Costa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!