POESIE

Mario Benedetti
Arcobaleno

A volte,
naturalmente,
tu sorridi
e non importa
se sei bello o brutto
o vecchio o
giovane
o il tanto o il
poco che tu sia.

Sorridi, come
se fosse una
rivelazione
e il tuo sorriso
annulla
tutti quelli
precedenti
che cadono
all’istante
come maschere.

I tuoi occhi duri
e fragili
la tua bocca da
mordere
il tuo mento
capriccioso
i tuoi zigomi
fragranti
le tue palpebre
la tua paura.

Sorridi
e nasci
e dai vita al
mondo
guardi senza
guardare
indifeso
nudo
trasparente.

E meglio
ancora
se il sorriso
viene da molto
molto
molto dentro
puoi anche
piangere
semplicemnte
senza
distruggerti
senza
disperarti
senza invocare
la morte
né sentirti
vuoto.

Piangere
solo piangere
E allora il tuo
sorriso
se ancora
esiste
si trasforma in
un
arcobaleno.

Letto da Achille Bottiglieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!