Clicca sull'immagine per ingrandirla
Marina Ivanovna Cvetaeva Primavera

Primavera… sopore… dormiremo.
Separati
eppure: ogni distanza
annulla il sonno… E forse
… in sogno ci si potrà vedere.

Onniveggente, il sogno
sa sempre chi riunire.
A chi confiderò il mio affanno?
A chi dirò la mia tristezza

disumana
creatura
senza padre, disperata
di finire… Ah, la pena
di chi piange da solo!

Su quanto come sabbia presto
scivolerà via dalla memoria. Di chi sa:
sono occupati nella vita i posti
e i cuori
presi a nolo: impiegati

senza ferie. Senza fine. Morti
per vivere
in vita
senza amore. Sepolti vivi
dal mattino
prima luce!
nell’archivio,
nell’Eliso degli storpi!

Su noi due
muti, mansueti: più dell’erba,
dell’acqua che ristagna. Sulla rovina
acerba che ci schianta. Sul rimprovero
del vento: schia-vi, schia-vi…

 

Da “I fili del telegrafo”

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares