POESIE

Mahmoud Darwish
Una nuvola di Sodoma

Dopo la tua notte, la notte dell’ultimo inverno,
il lungomare si è svuotato delle guardie,
nessun’ombra mi segue da quando la tua notte si è prosciugata
al sole della mia canzone. Chi mi dirà
ormai: Lascia il giorno passato e sogna con tutto
il tuo inconscio libero?
La mia libertà siede ora accanto a me, con me,
sulle mie ginocchia come il gatto di casa. Mi fissa
e fissa
ciò che mi hai lasciato ieri sera: il tuo scialle
lillà, una cassetta di Balla coi lupi e una collana
di gelsomino sul muschio del cuore…

Che farà la mia libertà dopo la tua notte,
la notte dell’ultimo inverno?
Una nuvola è partita da Sodoma verso Babele
centinaia di anni fa, ma Paul Celan, il suo poeta,
si è suicidato oggi nella Senna.
Non mi porterai più al fiume.
Nessuna guardia mi chiederà:
Come ti chiami, oggi?
Non malediremo
la guerra. Non malediremo la pace. Non scavalcheremo
il muro del giardino in cerca della notte tra due salici
e due finestre, e non mi chiederai:
Quand’è che la pace aprirà la nostra fortezza alle colombe?

Dopo la tua notte, la notte dell’ultimo inverno,
i soldati hanno insediato il loro accampamento in un luogo lontano,
una luna bianca si è posata sul mio balcone
e mi sono seduto insieme alla mia libertà a fissare in silenzio
la nostra notte.
Chi sono? Chi sono dopo la tua notte,
la notte dell’ultimo inverno?

Da “Una trilogia palestinese”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!