POESIE

Leonard Cohen
Suzanne

Suzanne ti fa scendere
al suo posto presso il fiume,
puoi sentir sfilar le barche
puoi passar con lei la notte.
E tu sai che è mezza matta
è per questo che la cerchi
e ti nutre a tè ed arance
che ha portato dalla Cina.
E se tu sei lì per dirle
che non hai doni da darle
lei ti porta sulla sua lunghezza d’onda
e lascia che il fiume ti risponda
che da sempre sei il suo amante.
E tu vuoi viaggiar con lei,
vuoi viaggiare ciecamente
e tu sai che può fidarsi di te
hai toccato il suo corpo perfetto
con la mente.
Gesù era un marinaio
camminava sulle acque
e guardava molto a lungo
dalla sua torre di legno
e quando fu ben certo
d’esser visto solo dagli annegati
disse Ogni uomo sarà marinaio
finché il mare tutti li libererà,
ma lui stesso fu spezzato
ben prima che il cielo si aprisse
abbandonato, quasi umano,
scivolò come una pietra fra voi saggi.
E tu vuoi viaggiar con lui
vuoi viaggiare ciecamente
pensi che forse avrai fiducia in lui
che ha toccato il tuo corpo perfetto
con la mente.
Suzanne ti dà la mano
e ti porta in riva al fiume,
porta stracci e porta piume
frutto della carità.
Piove sole come miele
su Nostra Signora al Porto
e ti mostra dove guardare
fra la spazzatura e i fiori,
fra le alghe ci sono gli eroi
nel mattino ci sono i bambini,
che mendicano amore
e mendicheranno sempre
mentre Suzanne regge lo specchio.
E tu vuoi viaggiar con lei
vuoi viaggiare ciecamente
sai per certo che ti troverà
ha toccato il suo corpo perfetto
con la mente.

Da “Parassiti del paradiso”

 

QUI la versione orignale Inglese

 

Interpretata da Fabrizio De André

Una risposta

  1. Vi regalo dolcezza per una volta …
    O meglio altri lo fanno al posto mio: Fabrizio De André interpreta la splendida Susanne di Leonard Cohen e ….. scusate se è poco 😎
    In queste settimane quando arriva il momento di preparare qualcosa da condividere con voi ho un blocco: vi sento lontani, presi dalla preoccupazione di quello che ogni giorno ci sta accadendo (perché ricordiamolo, accade a tutti…).
    Mi viene alla mente qualcosa poi vedo che potrebbe risultare troppo triste, poi un’altra cosa e no, non va …. troppo allegra; tutto in questo modo: perdo una intera ora solo per arrivare ad una scelta che è comunque solo piena di dubbi.
    Anche questa volta ovviamente, non certo per il contenuto che io amo e che trovo dolcissimo, quanto per la consapevolezza che non vi arriverà nulla di quello che io sto cercando di trasmettere purtroppo.
    Ma non mettere nulla mi parrebbe un tradimento e allora eccomi qui sentendomi come un clown che cerca di fare ridere sapendo di non poterlo fare.
    Forse se avrete voglia di aprire il link, vi ascolterete una bellissima canzone che ho messo sia in originale che in italiano per il piacere di tutti ☺

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!