Clicca sull'immagine per ingrandirla
Kahlil Gibran La mia gioia

E quando nacque la mia gioia, la strinsi tra le braccia
e salii sul tetto di casa a gridare:
«Venite, miei vicini, venite a vedere,
poiché in questo giorno per me è nata la gioia.
Venite a vedere questa creatura felice, che ride nel sole».
Ma nessuno dei miei vicini venne a vedere la mia gioia,
e fu grande il mio stupore.

E ogni giorno per sette lune stetti a proclamare la mia gioia
dal tetto di casa e tuttavia nessuno mi badava.
E la mia gioia ed io eravamo soli,
senza che nessuno venisse mai a cercarci o a farci visita.
Allora la mia gioia diventò pallida e fragile,
perché nessun altro cuore, tranne il mio,
era investito della sua amabile grazia
e nessun’ altra bocca baciava la sua bocca.
E la mia gioia morì di solitudine.

E ora sto a ricordare la mia morta gioia
solo ricordando il mio morto dolore.
Ma il ricordo è una foglia d’autunno che mormora
per qualche istante nel vento e poi non si ode più.

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!