POESIE

José María Álvarez
Sepolcro classico

Fu nella primavera
del 1485. Alcuni operai scavavano
sull’Appia. Immaginate
la lentezza del mattino, certi canti.
All’improvviso, voci. I picconi
hanno colpito – scintille
del marmo – una
lapide.
Mani callose scansano
la terra. E appare
un sepolcro e una
iscrizione: “Giulia” – “Figlia di
Claudio”.

 Quando alzano la lapide
un profumo soave – dice il
libro – dolciastro, come di fiori,
impregna l’aria. Lì c’è, addormentata,
una giovane di delicata bellezza.
Non avrà più di 15 anni, capelli di seta
le coprono le spalle, e socchiusa
(come per dare un bacio) la bocca, e le guance colorite.
Si fermarono sbalordite
quelle brave persone. E nel silenzio più profondo
contemplarono rispettose
quell’immagine che rivelava
ciò che un tempo era Roma,
ciò che una volta essi erano stati
come romani.
E davanti alla fanciulla s’inginocchiarono
come avevano imparato dalla Chiesa
a prostrarsi davanti alla Vergine.
Poi, portarono il sarcofago
in Campidoglio. E presto Roma fu meta
di pellegrini, moltitudini
d’ogni lingua e regione, che venivano
a contemplare la dormiente.
E anche nella grandezza imperitura
di quella Roma già cristiana
– regnava Innocenzo VIII –
la bellezza pagana
e classica trionfò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!