POESIE

Hermann Hesse
Lamento

Non ci è dato di essere. Noi siamo
soltanto un fiume, aderiamo ad ogni forma:
al giorno ed alla notte, al duomo e alla caverna
passiamo oltre, l’ansia di essere ci incalza.

Forma su forma riempiamo senza tregua,
nessuna ci diviene patria, gioia o pena,
sempre siamo in cammino, ospiti sempre,
non c’è campo né aratro per noi, né pane cresce.

E non sappiamo cosa Dio ci serbi,
gioca con noi, argilla nella mano,
muta e cedevole che non piange o ride,
mille volte impastata e mai bruciata.

Potessimo, una volta, farci pietra, durare!
Questa è la nostra eterna nostalgia,
ma un brivido perdura a raggelarci
e non c’è pace sulla nostra via.

Letta da Gianni Caputo

Una risposta

  1. Bella, bellissima poesia, accompagnata dalla lettura dell’amico Gianni Caputo (iscrivetevi al suo canale YouTube)
    Siamo di passaggio, in continuo divenire, alle volte ce ne accorgiamo ma il più delle volte no.
    Io me ne sto veramente rendendo conto, soprattutto nei giorni neri in cui sto peggio; ma poi mi rendo conto che è comunque una realtà comune ad ogni essere vivente, solo che si sceglie di ignorarla 🤔😏
    Non so … sto imparando a vivere solo il momento, forse la soluzione migliore.
    Un abbraccio a tutti voi e godetevi la poesia e … condividetela (magari)😘💚💛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!