Clicca sull'immagine per ingrandirla
Giovanni Pascoli La morte del ricco

Ha il prete a lato, e il nembo urla di fuori:
un sinedrio d’ombre incappucciate
accusate! accusate! —

Sorge una donna: egli mentì l’amore!
Sorge un bimbo: il mio nome ei mi negò!
Sorge un villano: io vuo’ strappargli il core,
che mi fece sudare e mi rubò!

Un minator dice: morii sotterra,
pria che morto, sepolto.
Un soldato: ed io caddi ucciso in guerra,
prima uccisor che ucciso; egli m’ha tolto

Ritratto di Giovanni Pascoli giovanevita e innocenza. — E tu spettro che hai? —
Fame. — E tu? — Freddo. — E tu? — Voglio odiar-
lo! che per anni lunghi io lavorai
e non ebbi un minuto per amar. —

Voi chi siete? — Signore, un assassino. —
Voi? — Mio signore, un ladro! ah! ma il delitto
non s’ama, egli è un destino
che nella fronte, esso che muor, ci ha scritto! —

E tu perchè l’abbranchi? — Ero fanciulla
pura e bella; e son morta all’ospedal!… —
Tu perchè fremi? — Ah! ch’io morii nel nulla,
io ch’ero nato a vivere immortal!… —

Venga l’esecutor! Dubbio, t’avanza!
fissalo col tuo grande occhio sbarrato!
Costui d’un’altra vita ha la speranza:
che muoia disperato!

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!