POESIE

Giovanni Pascoli
La mia malattia

I
L’altr’anno, ero malato, ero lontano,
a Messina: col tifo. All’improvviso
udivo spesso camminar pian piano,
a piedi scalzi. Era Maria, col viso
tutt’ombra, dove un mio levar di ciglia
gettava sempre un lampo di sorriso.
A volte erano i morti, la famiglia
nostra… Io pian piano mi sentia toccare
il polso, e sussurrare: – Oh! la mia figlia!
sola! con nulla! con di mezzo il mare! –

II
Quelle sere, Maria non, come suole,
pregava al mio guanciale, co’ suoi lenti
bisbigli, con le sue dolci parole:
dolci parole dette per gli assenti
al buon Gesù, dette per me: preghiere
perché in pace riposi e m’addormenti.
Prega, e vuol ch’io ripeta. Quelle sere,
nulla, o diceva: “Dormi, ch’hai la voce
debole; è meglio ora per te tacere,
dormire; fatti il segno della croce”.

III
Io pensava: – Ma dunque ella non crede
più, tanto? Che sarà della sua vita,
un vilucchio avvoltato alla sua fede? –
E pensando, alla mente illanguidita
io richiamava le devozioni
già dette con le mie tra le sue dita.
E ricordai che tra quei fiochi suoni
che a un Angiolo bisbiglia che li porti
su, c’era il Requiem; c’era anche: Vi doni
nostro Signore eterna pace, o morti!

IV
Morti che amate, morti che piangete,
morti che udivo camminar pian piano
nella mia, nella sua stanza a parete:
che sempre in dubbio d’aspettare in vano
sempre aspettate con pupille fisse,
come il mendico, tesa ch’ha la mano,
quelle preghiere; oh! sì, Maria le disse,
quelle preghiere, ma da sé, ma ebbre
di pianto, ma di là… che non sentisse
suo fratello, che aveva alta la febbre…

 

da “Canti di Castelvecchio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!