Clicca sull'immagine per ingrandirla
Gibran I vostri figli

I vostri figli non sono vostri.
Sono i figli e le figlie del desiderio
che la Vita ha di sé stessa.
Essi vengono attraverso di voi
ma non da voi.
E benché vivano con voi
non vi appartengono.
Potete dare loro il vostro amore
ma non i vostri pensieri.
Poiché hanno pensieri propri.
Potete custodire i loro corpi
ma non le loro anime.
Giacché le loro anime
abitano nella casa del futuro,
che voi non potete visitare neppure in sogno.
Potete cercare d’essere simili a loro,
ma non potete renderli come voi siete.
Giacché la vita non indietreggia
ne s’attarda sul passato.
Voi siete gli archi da cui i figli,
come frecce,
sono scoccati avanti.
Gibran-I-vostri-figliL’Arciere vede il bersaglio
sul sentiero dell’infinito,
e vi tende con la sua forza
affinché le frecce
vadano veloci e lontano.
E che il vostro tendervi
nella mano dell’Arciere avvenga nella gioia,
poiché come ama il dardo sfrecciante,
così ama l’arco che saldo rimane.

 

Letta da Arnoldo Foà

Letto da Maurizio Ralletto

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!