Clicca sull'immagine per ingrandirla
Fernando Pessoa Sonetto VII

Mi torturan quelle parole, che t’addoloran poco –
Perché l’assoluta morte il mio pensiero annulla;
E mi sento torturato, non perché io a te creda,
Ma perché non mi permesso di non credere a te.
Che ne sarà di quell’io che ora domina le stelle
Tenuto in vita da quelle stesse dominate stelle?
Fato così tutt’ingiusto. Ma quale verità vieta
Alla verità di tal Fato di essere creduto?
L’ipotesi all’universo visibile non adatta
E neppure nasconde la forma del suo puro pensiero
O con l’abito posticcio forgia un altro universo
Senza lei stessa svelare la sua truffa mortale;
E poiché tutto è possibile, ben può un vuoto pensiero
Svilire i meno noti, ma non più veri pensieri.

QUI la versione Inglese

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!