Clicca sull'immagine per ingrandirla
Fernando Pessoa Sonetto VI

Come il mediocre retore, di miserrima cultura,
Inonda le sue parole solo di falso calore;
Quale orologio, carica d’aliena volontà
Ciò che posseder dovrebbe solo intima armonia;
O qual prosatore arguto, poco incline a poesia,
Mancando nelle sue corde la musica più sottile,
Lavora con cura inutile e poi viene respinto,
Perché male alla Musa impetra l’ispirazione;
Studio com’io debba amare, o come debba odiare,
E la coscienza allontana me dai sentimenti,
Con un sentire tanto fine da essere acquetato
Anche quando è violenta la natura del sentire;
Come chi vuole imparare a nuotare senza il fiume,
E più vicino si crede, più lontano è dalla metà .

 

QUI la versione in Inglese

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!