Clicca sull'immagine per ingrandirla
Fernando Pessoa Sonetto V

Come pensare o muovere il pensiero all’azione,
Se la sordida pressione del quotidiano bisogno
Crucia con meschinità di incontrollata follia
Lo sgomento pel frenetico universal lavoro?
Come posso distogliere i pensieri dal dovere,
La mia anima era nata per pensare al suo dovere,
Quando invece in ogni momento v’e un pensiero che chiede
D’appagare l’improvviso desio dell’umor suo?
La pietra angolare che vorrei unire alla mia Musa
Per costruire la nostra casa nel più gran futuro
Viene consunta dai bisogni del quotidiano uso
E mi sento impoverito dell’immensità infinita;
Come un peccator Cristiano ogni giorno trasportato
Dalla carne a rinunciare al desiato paradiso.

 

QUI la versione Inglese

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!