Clicca sull'immagine per ingrandirla
Emily Dickinson Avevo avuto fame

Emily-Dickinson-Avevo-avuto-fameAvevo avuto fame, tutti quegli Anni –
Il mio Mezzogiorno era Giunto – per pranzare –
Mi accostai tremante alla Tavola –
E sfiorai lo Strano Vino –
Era quello che avevo visto sulle Tavole –
Quando tornando, affamata, a Casa
Guardavo attraverso le Finestre, la Ricchezza
Che non speravo – per Me –
Non conoscevo quel copioso Pane –
Così diverso dalla Briciola
Che gli Uccelli ed io, avevamo spesso condiviso
Nella Sala da Pranzo – della Natura –
L’Abbondanza mi ferì – era così nuova –
Mi sentivo male – e strana –
Come una Bacca – di un Arbusto Montano –
Trapiantata – su una Strada –
Non avevo più fame – così scoprii
Che la Fame – è la condizione
Di persone Fuori dalle Finestre –
L’entrare – la rimuove –

[F439 – J579 (1862)]

 

QUI la versione originale Inglese

 

Letta da DadoPlath

Letta da Valter Zanardi

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares