Clicca sull'immagine per ingrandirla
Elizabeth Barrett Browning sonetto XLII

“Il mio futuro non copierà pari il passato” –
scrissi un tempo, e pensando che l’angelo
custode al mio fianco, con lo sguardo supplice
levato al bianco trono del Signore,
sostenesse le mie parole, mi volsi, e invece
vidi te, non estraneo agli angeli nell’anima!
Così, dopo tanti malanni, fu immediato
il mio conforto, e alla tua vista nuove
foglie imperlate di rugiada mattutina
sbocciarono sul mio bastone di pellegrino.
Ora non cerco copia di quella vita:
lascia le pagine arricciate da troppi pensieri
e scrivi tu la nuova epigrafe al futuro,
angelo nuovo, mio, insperato al mondo.

 

Sonetti dal Portoghese

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!