Clicca sull'immagine per ingrandirla
Eduardo De Filippo Ca si fosse…

Sta tutto scritto
sta tutto signato.
Chi pe’ na mano
chi pe’ n’ata mano…
Chello pe’ cchesto
e chesto pe’ chell’ato…
Sta tutto scritto
sta tutto signato.
Ma addò sta scritto?
Addò vene signata
na sorta trista
ca te nchiova ncroce?
E chi è stu nfamo,
st’anema dannata
ca segna e scrive
dint’a chistu libro
e ca dice:
«Mò tu!»,
«Tu no!»,
«Tu sì!»?
Nun se trova na pagina caduta,
vulata all’intrasatta
‘a dint’ ‘o libro:
nu fuglietto,
n’appunto…
nun se trova nè pe’ ll’aria
nè nterra.

Ca si fosse…
ca na pagina sola se truvasse,
cu n’appunto signato,
na parola,
se putesse
cu certezza sape’
qual’è ‘a mano ca scrive,
e se sapesse
si scrive cu nu scopo
na ragione
o pe’ sfizio sultanto
o sulamente pe’ malvagità…

Eduardo-De-Filippo-Ca-si-fosse...Addò sta scritta
addò vene signata
na sorta trista
ca  te nchiova ncroce?
E addò se mette ‘a sciorta
pe’ nun se fa’ vede’
primmo d’ ‘o tiempo,
primmo d’ ‘o juorno
ll’ora
e d’ ‘o mumento
ca t’addà zumpà ncuollo
a tradimento?

Se mette dint’ a voce,
mmiez’ ‘e pparole toie,
sott’ ‘e penziere,
se mmesca mmiez’ ‘e mmosse ca tu faie,
dint’ ‘e resate ‘e quanno si’ felice…
e quanno s’annasconne
nun t’ ‘o dice.

 

Letta da Arturo Delogu

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!