POESIE

Diego Valeri
Il lapis rosso-blu

Il piccolo malato sta a sedere
nel suo lettuccio di di malinconia,
fissi gli occhi al soffitto in cui via via
vengono e vanno strane ombre leggere.
I suoi fratelli sono andati a scuola,
la mamma è giù che attende alla cucina…
Dio, com’è lunga e triste la mattina
nella camera bianca e muta e sola!
Che noia! …Ma c’è lì sul comodino
un buono e fido amico che l’invita
a giocare con lui: c’è la matita
dai giocondi color rosso e turchino.
La matita e un foglietto a quadratini…
E il bimbo gioca e ogni altra cosa oblìa,
e il suo male e la sua malinconia,
e perfin la sua mamma e i fratellini,
Rosso: ed ecco un castello principesco,
con le torri, coi ponti e con le scale,
e, in vetta, una bandiera trionfale
e un tremendo guerriero gigantesco.
Turchino: ed ecco un mare tempestoso,
e in mezzo ai cavalloni un bastimento
abbandonato in signoria del vento
e un grosso pescecane minaccioso.
Rosso e turchino: ed ecco una battaglia,
coi cannoni e i cavalli e gli aeroplani,
ecco i cosacchi, gli usseri e gli ulani
in mezzo a una tempesta di mitraglia.
Ed ecco… il mezzodì. Dalla cucina
giunse un rumor di passi. E. lei che sale,
è la mamma che lenta fa le scale
con la scodella della sua minestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!