POESIE

David Maria Turoldo
Piazza della Resistenza

Siamo composti con brani di morti
uguali a città
rifatte da macerie di secoli.

Allora al comune bivacco eravamo
tutti disperati e volevamo
morire per sentirci più vivi.

Non questo certo era l’augurio!
La nuova parola è stata uccisa
Dal piombo sulle bocche squarciate.

Una mediazione invocavano morendo
tra l’avvenimento grande e la sorte di ognuno,
l’avvento attendevano dell’uomo umile.

Ma noi rimpiangemmo le vecchie catene
come il popolo ambiva nel deserto
l’ossequio al re per le sicure ghiande:

non vogliamo il rischio di essere liberi,
il peso di dover decidere da noi
e l’amore di farci poveri.

Da sotterra urlano i morti
e per le strade vanno
come nell’ora dell’agonia di Cristo.

Per le strade vagano i fratelli
senza casa, liberi
d’ogni ragione d’essere morti.

La notte è simile al giorno
Il bene al male s’eguaglia,
spoglio quale una pianura d’inverno.

Da “Ritorniamo ai giorni del rischio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!