Clicca sull'immagine per ingrandirla
Darío Jaramillo Agudelo È questa la vita

Euforico e sconcertato,
pericolosamente allegro per questi tempi grigi,
lascio la mia parola sul suono della luce,
sull’acqua rumorosa dell’amore e della carne:
qui rimane, in questa notte ormai senza rumori,
il sudore unico di due pelli che sono un corpo solo;
dormi accanto e io ti guardo per essere sicuro che esisti
e vedo lo zafferano della luna svanito sui tuoi capelli.
Soltanto ascolto il tuo respiro calmo,
Elaborazione di donna nudaquell’aria che mi giustifica e mi esalta;
sei il mistero esatto che mi dona chiarità,
il segno diafano, la magia che mi nutre,
nel tuo quieto riposo comunichi senso al mondo:
le tue labbra rosso vino di giubilo si aprono appena
per ricevere il tranquillo angelo del sonno
e io mi ubriaco con il tuo sonno
mentre i tuoi occhi ospitano un raccolto di soli e di uccelli;
di te mi nutro, della sottile ombra del tuo corpo che ora mi bacia
e che scaccia dal mio cuore tutto lo schifo accumulato
e lo tranquillizza e lo riempie di musica;
è questa la vita: sapere che esisti e che ti amo.

 

Letta da Giancarlo Cattaneo Parole|Note

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!