Clicca sull'immagine per ingrandirla
Charles Bukowski L’amore è un cane che viene dall’inferno

piedi di formaggio
anima di caffettiera
mani che odiano le stecche da biliardo
occhi come graffette
preferisco il vino rosso
mi annoio in aeroplano
sono calmo durante i terremoti
mi addormento ai funerali
vomito alle parate
gioco di sacrificio agli scacchi
con le fighe e gli affetti
sento odere di orina nelle chiese
non posso più leggere
non posso più dormire

occhi come graffette
i miei occhi verdi
preferisco il vino bianco

la mia scatola di preservativi diventa vecchia
li tiro fuori
Trojan-Enz
lubrificati
per un’eccezionale sensibilità
li tiro fuori
e me ne infilo tre

le pareti della mia camera sono blue
Linda dove sei finita?
Katherine dove sei finita?
(e Nina è andata in Inghilterra)

ho le unghie dei piedi aguzze
e il detersivo per i piedi Windex
Fotografia di Charles Bukowskiocchi verdi
camera blu
sole mitragliatrice violenza

tutto questa faccenda è come una foca
catturata su scogli sdrucciolevoli
e circondata dalla Long Beach Marching Band
alle 3:36 del pomeriggio

dietro di me un ticchettio
ma nessun orologio
sento qualcosa strisciare
sul lato sinistro del naso:
ricordi di aerei

mia madre aveva i denti finti
mio padre aveva i denti finti
e ogni sabato della loro vita
spostavano tutti i tappeti di casa
lucidavano i pavimenti di legno
e poi  li ricoprivano ancora con i tappeti

e Nina è in Inghilterra
e Irene prende il sussidio di invalidità
e io prendo i miei occhi verdi
e mi distendo nella mia camera blu.

 

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!