Clicca sull'immagine per ingrandirla
Charles Bukowski La fuga

Sfuggire alla vedova nera
é un miracolo grande come l’arte
che ragnatele sa tessere
attirandosi a sé piano piano
ti abbraccia
e quando è soddisfatta
ti uccide
sempre abbracciandoti
ti succhia il sangue.

Io sono sfuggito alla mia vedova nera
perché aveva troppi maschi
nella sua tela
e mentre se ne abbracciava uno
e poi un altro e poi
un altro
io me la sono svignata
sono scappato da dove ero prima.

Lei sentirà la mia mancanza
non del mio amore
ma del sapore del mio sangue
ma è brava lei, se troverà dell’altro
di sangue;
è così brava che quasi rimpiango la mia morte;
ma non del tutto;
sono sfuggito. Osservo le altre
ragnatele.

HERE the original English version 

Letta da Dado Plath

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Vecchio album fotografico

Wislawa Szymborska
Album

Nessuno in famiglia è mai morto per amore.
Nulla di quel passato potrebbe farsi mito.
Romei tisici? Giuliette malate di cuore?
C’e chi anzi è diventato vecchio e raggrinzito. […]

Vai Avanti »

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares