Clicca sull'immagine per ingrandirla
Charles Baudelaire Vienimi sopra il cuore

Vienimi sopra il cuore, anima sorda e crudele,
Tigre adorata, mostro dalle arie indolenti;
Le mie dita che tremano io voglio lungamente
Affondare nel gorgo dei tuoi folti capelli;

Voglio nelle tue gonne, intrise del tuo odore,
Seppellire la testa che mi duole
E respirare come un fiore fradicio
Del mio amore defunto il dolce afrore.

Voglio dormire! Meglio che vivere è dormire!
In un sonno che è dolce come è dolce la morte.
Foto elaborata di una coppia di amantiSenza rimorso stenderò i miei baci
Sul tuo corpo lucente come il rame.

Nulla più che l’abisso del tuo letto
Per sciogliere i singhiozzi nella quiete;
L’oblio profondo sta sulla tua bocca
e solo nei tuoi baci scorre il Lete.

E al destino, che è ormai la mia delizia,
Obbedirò come un predestinato,
Come un martire docile, un puro condannato
Che attizza col fervore il suo supplizio,

E succhierò, per spegnere il rancore,
Il nepente e la provvida cicuta
Sulle punte incantevoli di quel tuo seno eretto
Dove mai ha trovato la sua dimora un cuore.

 

Letta da Gianni Caputo

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!