Clicca sull'immagine per ingrandirla
Charles Baudelaire Stai quieto mio Dolore

Stai quieto mio Dolore, stai calmo. Invocavi la Sera: eccola
scende e un’atmosfera scura avvolga la città, apportando
agli uni pace, agli altri affanno.

Mentre la moltitudine vile dei mortali, sotto la sferza del
Piacere, carnefice impietoso, va a cogliere rimorsi nella festa
servile, dammi la mano, o mio dolore, vieni da me,

lontano da loro. Vedi affacciarsi dai balconi del cielo gli
Anni defunti vestiti in antiquati, vedi sorgere dal fondo
delle acque il radioso Rimpianto;

il sole addormentarsi moribondo sotto un ponte; e come
un lungo sudario strusciante a Oriente, ascolta, mio caro,
ascolta la dolce Notte che avanza.

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!