POESIE

Charles Baudelaire
Spleen

Quando il cielo plumbeo e basso grava come un coperchio
sullo spirito gemente in preda a lunghi affanni,
e abbracciando l’intero cerchio dell’orizzonte
versa in noi un giorno nero più triste della notte;

quando la terra è mutata in un’umida prigione,
dove la Speranza, come un pipistrello,
va battendo contro i muri la sua timida ala
e picchia la testa su soffitti marci;

quando la pioggia spandendo le sue immense strisce
imita le sbarre di un’enorme prigione,
e un popolo muto d’infami ragni
tende le sue reti in fondo ai nostri cervelli,

delle campane all’improvviso sobbalzano con furia
e lanciano verso il cielo un urlo spaventoso,
come spiriti erranti e senza patria
che si mettono a gemere ostinatamente.

− E lunghi funebri cortei, senza tamburi né musica,
sfilano lentamente nella mia anima; la Speranza,
vinta,  piange; e l’atroce Angoscia, dispotica,
pianta sul mio cranio inclinato il suo nero vessillo.

da “I fiori del male”

 QUI  la versione originale Francese

Lettura di Lorenzo Pieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!