Clicca sull'immagine per ingrandirla
Charles Baudelaire L‘Albatro

Spesso, per divertirsi, gli uomini dell’equipaggio
prendono degli albatros, grandi uccelli dei mari,
che seguono, indolenti compagni di viaggio,
la nave che scivola sopra gli abissi amari.

Non appena deposti sul ponte,
questi re dell’azzurro, timidi e goffi,
abbandonano miseramente le loro grandi ali bianche
come remi trascinati accanto a loro.

Com’è debole e goffo questo viaggiatore alato!
Esso, poco prima così bello, è comico e brutto!
L’uno gli stuzzica il becco con una pipa,
l’altro mima, zoppicando, l’infermo che volava!

Il poeta somiglia al principe delle nuvole
che abita la tempesta e se la ride dell’arciere;
esiliato sulla terra fra gli scherni,
le sue ali di gigante gli impediscono di camminare.

 

da I fiori del male

QUI la versione originale francese

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Fotografia di Attilio Bertolucci a spasso in città

Attilio Bertolucci
Gli anni

Le mattine dei nostri anni perduti,
i tavolini nell’ombra soleggiata dell’autunno,
i compagni che andavano e tornavano, i compagni
che non tornarono più, ho pensato ad essi lietamente. […]

Vai Avanti »

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares