POESIE

Charles Baudelaire
A una passante

Urlava attorno a me la strada assordante.
Alta, snella, in lutto stretto e maestoso dolore,
passava una donna, sollevando e dondolando
con mano sontuosa l’orlo festonato della gonna;

agile e nobile, con gamba da statua.
Dipinto di una passante in abiti fine 800Io, teso come un folle, bevevo
nei suoi occhi, cielo livido dove nasce l’uragano,
la dolcezza che incanta e il piacere che uccide.

Un lampo… poi la notte! − Fugace bellezza
il cui sguardo m’ha fatto improvvisamente rinascere,
non ti vedrò più che nell’eternità?

Altrove, lontano da qui! troppo tardi! forse mai!
Poiché io ignoro dove fuggi, tu non sai dove vado,
o tu che avrei amato, o tu che l’hai capito!

 

QUI l’originale francese

Letta da DadoPlath

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!