Clicca sull'immagine per ingrandirla
Arthur Rimbaud L’addormentato nella valle

È un buco di verzura dove canta un ruscello
Follemente appendendo agli steli dei cenci
D’argento; dove il sole, dalla montagna fiera,
splende: è una piccola valle che spumeggia di raggi.

Un giovane soldato, a bocca spalancata, la testa nuda
e la nuca bagnata nel nasturzio azzurrino,
Una mano disegnata, un filo di sangue ed un papavero rossoDorme; è disteso nell’erba, sotto le nubi,
Bianco nel letto verde su cui piove la luce.

I piedi nei gladioli, dorme. Sorridendo come
Sorriderebbe un bimbo malato, schiaccia un sonno.
Natura, cullalo tu col tuo calore: ha freddo.

I profumi non fanno fremere le sue narici;
Egli dorme nel sole, con la mano sul petto
Tranquillo. Ha due fori rossi sul lato destro.

 

QUI la versione Francese con lettura di Serge Reggiani e cantata da Yves Montand

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!