Clicca sull'immagine per ingrandirla
Arthur Rimbaud L’addormentato nella valle

È un buco di verzura dove canta un ruscello
Follemente appendendo agli steli dei cenci
D’argento; dove il sole, dalla montagna fiera,
splende: è una piccola valle che spumeggia di raggi.

Un giovane soldato, a bocca spalancata, la testa nuda
e la nuca bagnata nel nasturzio azzurrino,
Una mano disegnata, un filo di sangue ed un papavero rossoDorme; è disteso nell’erba, sotto le nubi,
Bianco nel letto verde su cui piove la luce.

I piedi nei gladioli, dorme. Sorridendo come
Sorriderebbe un bimbo malato, schiaccia un sonno.
Natura, cullalo tu col tuo calore: ha freddo.

I profumi non fanno fremere le sue narici;
Egli dorme nel sole, con la mano sul petto
Tranquillo. Ha due fori rossi sul lato destro.

 

QUI la versione Francese con lettura di Serge Reggiani e cantata da Yves Montand

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!