Clicca sull'immagine per ingrandirla
Arthur Rimbaud Che cosa sono per noi, mio cuore ..

Arthur-Rimbaud-Che-cosa-sono-per-noi-mio-cuoreChe cosa sono per noi, mio cuore, le tovaglie di sangue
e di bragia, e gli eccidi, e le lunghe grida
di rabbia, singulti dell’inferno che sovverte
l’ordine; e l’Aquilone che ancora soffia sui rottami

E la vendetta? Niente!… – Ma sì, noi la vogliamo ancora,
e fino in fondo! Industriali, principi, senati:
crepate! storia, giustizia, potenza: abbasso!
Ci è dovuto, il sangue. Il sangue! la fiamma d’oro!

Dedicati alla guerra, alla vendetta, al terrore,
spirito mio! Mettiamo il dito sulla piaga: Ah! passate,
Repubbliche di questo mondo! Ne abbiamo abbastanza
di imperatori, reggimenti, coloni e popoli!

Chi smuoverebbe i turbini furiosi dell’incendio,
se non noi e quelli che noi crediamo fratelli?
Meravigliosi amici: a noi! ci divertiremo!
Mai noi lavoreremo, onde di fuoco!

Europa, Asia, America, sparite!
La nostra marcia della vendetta ha occupato tutto,
città e campagne! – Noi saremo schiacciati!
I vulcani esploderanno! E l’Oceano colpito…

Oh! amici miei! – Mio cuore, stanne certo, sono fratelli:
neri sconosciuti, se noi davvero andassimo! Andiamo! Andiamo!
Sventura! io mi sento fremere, la vecchia terra,
su di me che sono sempre più vostro! la terra si squaglia,

Non è niente! io sono qui! sono sempre qui.

 

QUI la versione originale francese

 

Letta da DadoPlath

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!