Clicca sull'immagine per ingrandirla
Antonino Massimo Rugolo E l’amore guardò il tempo e rise

E l’amore guardò il tempo e rise.
Un sorriso lieve come un sospiro,
come l’ironia di un batter di ciglio,
come il sussurro di una verità scontata.
Perché sapeva di non averne bisogno.
Perché sapeva l’infinita potenza del cuore
e la sua poesia e la magia di un universo perfetto,
al di là dei limiti del tempo e dello spazio.
E le ragioni dell’uomo, fragile come un pulcino,
smarrito come un uccello,
cannibale come un animale da preda.
 Perché conosceva la tenerezza di una madre,
l’incanto di un bacio, il lampo di un incontro.
Poi finse di morire per un giorno,
nella commedia della vita,
nell’eterno gioco della paura,
nascosto, con il pudore della sofferenza,
con la rabbia della carne,
con il desiderio di una carezza.
Ma era là, beffardo, testardo, vivo.
E rifiorì alla sera,
senza leggi da rispettare,
come un Dio che dispone, sicuro di sé,
bello come la scoperta, profumato come la luna.
Ma poi si addormentò in un angolo di cuore
per un tempo che non esisteva
e il tempo cercò di prevalere,
nel grigio di un’assenza senza musica, senza colori.
E sbriciolò le ore nell’attesa,
nel tormento per dimenticare il suo viso, la sua verità.
Ma l’amore negato, offeso,
fuggì senza allontanarsi,
ritornò senza essere partito,
perché la memoria potesse ricordare
e le parole avessero un senso
e i gesti una vita e i fiori un profumo
e la luna una magia.
Perché l’emozione bruciasse il tempo e le delusioni,
perché la danza dei sogni fosse poesia.
Così mentre il tempo moriva, restava l’amore.

Lettura di Gianni Caputo

Lettura di Franco Picchini Francone

Ecco un’altra di quelle inesplicabili e contorte situazioni che si creano nel web. Questa poesia viene attribuita sia a Luigi Pirandello sia Antonino Massimo Rugolo.
Personalmente ho fatto una ricerca tra i testi di Pirandello che ho, tra cui:
Tutte le poesie di Luigi Pirandello ; in­troduzione di Francesco Nicolosi ; note di Manlio Lo Vecchio-Musti. – Milano : A. Mondadori, 1982.
NON ho trovato nulla nemmeno di simile a questa poesia.
Purtroppo di Antonino Massimo Rugolo non ho nulla e non trovo spiegazioni online, per cui attribuisco la poesia a quest’ultimo visto la impossibilità a cercare notizie sul suo conto contrariamente a quanto ho potuto fare con Pirandello.
Ovviamente spero che qualcuno possa arrivare alla soluzione certa e che la comunichi.

Che ne pensi?
0/5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su print
Condividi su email

Seguimi su:

Altre Citazioni

Altre Poesie

Copyright © 2003-2019 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!

Condividi se ti è piaciuto!

Fammi conoscere ai tuoi amici

Shares