POESIE

Adam Zagajewski
La musica ascoltata con te

La musica ascoltata con te
resterà sempre con noi.
Il grave Brahms e l’elegiaco Schubert,
alcuni canti, la terza sonata di Chopin,
quartetti dal suono
che lacera il cuore (Beethoven, gli adagi)
e la tristezza di Šostakovič, che
non voleva morire.
I grandi cori nella passioni di Bach
– come se qualcuno ci chiamasse
ed esigesse da noi la gioia,
pura e disinteressata,
la gioia in cui la fede
è qualcosa di ovvio.
Certi frammenti di Lutosławski
fuggitivi come i nostri pensieri.
I blues di una cantante di colore
ci trafiggevano come acciaio lucente –
anche se ci avevano raggiunto in strada,
in una brutta città polverosa.
Le marce di Mahler che non hanno fine,
la voce della tromba che apre la Quinta sinfonia
e la prima parte della Nona
(talvolta tu la chiami “malheur”!).
La disperazione di Mozart nel Requiem,
i suoi concerti per pianoforte sereni,
che meglio di me cantarellavi
– ma ciò lo sapevi bene.
La musica ascoltata con te
tacerà insieme a noi.

Da “Dalla vita degli oggetti – Poesie 1983-2005”

Letta da Auro Pasqualini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!