Seneca
Dove ci porta la morte? […]

Seneca Dove ci porta la morte? […]

Dove ci porta la morte?
Ci porta in quella pace dove noi fummo prima di nascere.
La morte è il non-essere: è ciò che ha preceduto l’esistenza.
Sarà dopo di me quello che era prima di me.
Se la morte è uno stato di sofferenza, doveva essere così prima che noi venissimo alla luce: ma non sentimmo, allora, alcuna sofferenza.
Tutto ciò che fu prima di noi è la morte.
Nessuna differenza è tra il non-nascere e il morire, giacché l’effetto è uno solo: non essere.

 

Letta da Sergio Carlacchiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su stumbleupon
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Vuoi leggere altro?

Julio Cortázar
Ti amo

Ti amo per le ciglia, per i capelli, ti dibatto nei corridoi bianchissimi dove si giocano le fonti delle luci,
ti discuto a ogni nome, ti svelo con delicatezza di cicatrice, […]

Avanti»

Copyright © 2003-2018 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!