Patrick Fogli
Ho aspirato […]

Patrick Fogli Ho aspirato […]

Ho aspirato, sentito il sapore, perso il controllo.
Stava succedendo quello che avevo sempre voluto, vedevo me stessa alle spalle di me stessa.
Ero libera, la gabbia se n’era andata, potevo esistere.
Ho avuto paura di quella libertà, figlia mia che non saprai mai queste cose.
Paura di non poter rientrare, paura che quello slancio fosse senza fine, che avrei continuato a volare fino a smarrirmi, come un palloncino che perde contatto col suolo e non può far altro che scoppiare.
[…]
Sono stupida, figlia mia, della stupidità della solitudine e del terrore.

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!