Neil Gaiman
Credo […]

Neil Gaiman Credo […]

Credo in cose reali e in altre che non lo sono e credo in altre cose ancora che nessuno sa se sono reali o no.
Credo in Babbo Natale e nel coniglietto di Pasqua e in Marilyn Monroe e nei Beatles, in Elvis e Mister Ed.
Guarda… credo che gli uomini siano esseri perfettibili, che il sapere sia infinito, che il mondo sia nelle mani di un cartello bancario segreto e che gli alieni vengano a trovarci regolarmente, alieni bravi e tutti rugosi che assomigliano ai lemuri e alieni cattivi che mutilano il bestiame e vogliono rubarci l’acqua e le donne.
Credo che il futuro sia preoccupante e che un giorno la Donna-Bufalo-Bianco tornerà a prenderci tutti a calci nel sedere.
Credo che gli uomini siano soltanto bambini troppo cresciuti con gravi problemi di comunicazione e che il declino del sesso in America coincida con la chiusura dei drive-in.
Credo che gli uomini politici siano dei disonesti senza principi e credo che siano comunque preferibili all’alternativa.
Credo che quando verrà il grande terremoto la California affonderà nell’oceano, mentre la Florida si dissolverà, inghiottita dalla follia, dagli alligatori e dalle scorie tossiche.
Credo che il sapone antibatterico stia distruggendo la nostra capacità di resistenza alla sporcizia e alle malattie e quindi un giorno verremo tutti annientati da un banale raffreddore come i marziani nella Guerra dei Mondi.
Credo che i più grandi poeti del secolo siano Edith Sitwell e Don Marquis e che la giada sia sperma di drago secco, e che migliaia di anni fa, in una vita precedente, sono stata una sciamana siberiana monca.
Credo che il destino dell’umanità sia scritto nelle stelle.
Credo che le caramelle fossero davvero più buone quando ero piccola, che da un punto di vista aerodinamico per il bombo sia impossibile volare, che la luce sia un’onda e una particella e che da qualche parte ci sia un gattino chiuso dentro una scatola vivo e morto allo stesso tempo (ma che se non si sbrigano ad aprire la scatola e a dargli da mangiare finirà per essere morto e basta) e che nell’universo ci siano stelle miliardi di anni più vecchie dell’universo stesso.
Credo in un dio tutto mio che si preoccupa per me e protegge tutte le mie azioni.
Credo in un universo privo di dèi mosso da caos, rumore di fondo ed una grande fortuna.
Credo che tutti quelli che dicono che il sesso sia un’attività sopravvalutata non l’hanno mai fatto come si deve.
Credo che chiunque sostenga di sapere come va il mondo sia capace di mentire anche sulle piccole cose.
Credo nell’onestà assoluta e nella necessità di ragionevoli menzogne sociali.
Credo nel diritto delle donne di scegliere, nel diritto di un bambino di vivere, che se ogni vita umana è sacra non c’è niente di male nella pena di morte, sempre che sia possibile fidarsi di un sistema legale, e che solo uno scemo si fiderebbe.
Credo che la vita sia un gioco, uno scherzo crudele, e che sia quella cosa che ti capita quando sei vivo, quindi tanto vale godersela”.
Si fermò, senza fiato.

Che ne pensi?
0/5

Comment

  • In quante cose credo?
    Tante, molte anche di quelle che sono qui.
    In altre credo forse solo in sogno….
    Credere credo sia rimasta l’unica cosa a cui mi attacco, voglio continuare a credere ed avere fiducia.
    Perché negarmi questa ultima speranza?
    Una speranza per il mondo, per i miei figli, per i giovani, per quelli che ancora non ci sono ma che arriveranno.
    Credere per me un filo a cui attaccarsi, non per me stessa, ma per la speranze che ho comunque dentro e che non mi riguarda personalmente.
    Ho capito che sperare può essere qualcosa di distaccato da te stesso e sto cercando di metterlo in pratica. Sperare in cose per sé stessi diventa qualcosa che ti impedisce di vedere altro e ti focalizza su cose che non hai raggiunto magari per tutta la vita e che con ogni probabilità non raggiungerai mai.
    Allora che dovrei fare? Negarmi l’unica cosa che ti fa tirare avanti?
    No, credo che la scelta sia quella di imparare con tanta fatica che esiste una speranza più grande e meno egoistica.
    Gli altri, il mondo ha bisogno di persone che credano in loro, che credano anche nell’impossibile affinché possa diventare realtà: non potrà essere mia, ma sarà di altri e questo va bene
    Buona domenica


Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Seguimi su:

Vuoi leggere altro?

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!