Citazioni

Massimo Troisi
Dialogo con dio

…no no no je voglio na spiegazione!
Je voglio na spiegazione!
È mai possibile che a me mi stanno succerenno ‘e megl’ disgrazie?
 Je nun pozz’ campà cchiù, guarda, nun pozz’ campà ‘cchiù!
Ma perchè proprio cu’mmè tho pigl’, proprio cu’mmè!
Cu’mmè che vengo da una famiglia religiosissima!
Je tengo a mia zia che organizzava i pellegrinaggi per Padre Pio!
E tu me fai questo a me!
No, no, no, je aggia avè na spiegazione. Je accà nun me ne vac’ si nun me daje na spiegazione!
(sorpreso)No, mica stavo gridando?
 …Ho alzato un po’ la voce, ma… ma data ‘a lontananza aggio ditt’ “quist forse sta facenno qualche ata cosa!” Eh!
Si, ho chiamato. Ho chiamato perchè je vuleva sapè cumm’è stu fatto che a me mi stanno succerenno disgrazie una appriess’a n’ata!
Je nun pozz’ campà ‘cchiù!
Io bestemmiavo?
 No, no, no, guarda ti sbagli!
Non ho mai bestemmiato!
E quann’è c’aggio bestemmiato?
 Ah!
Ah, mi ricordo!
Si, mi ricordo!
Nun so stato io… Mi ricordo ma nun so stato je… No, è stato l’amico mio, guarda… eh!
Stavamo tutti e due!
E lo so, tu stai in ogni luogo, ma si vede ca stive ‘e spalle e nunn’haje vist!
Ma no, nun so stato je!
Ma ti giuro nun so state je!
È stato lui. Chill’o ttene stu vizio ogni tanto ca se mette… Je ce l’aggio ‘ritt pure “statte zitto ca chill s’o pigl cummè!” No, è stato lui… e mettiamo pure ca fusse stat’je, niente di meno ti scateni a chesta manera!
Je nun pozz campà cchiù, guarda!
Si ma tu ‘o ssaje quanto in fondo ti stimo!
Vengo a messa tutte le domeniche, ogni domenica sto in chiesa… e vabbè aggio ‘juto a verè nu film spuorco… ma oggiggiorno i film so tutte quann accussì!
Nun hai visto però che appena so ‘sciuto dal cinema duemila lire a chillu povero… duemila lira a chillu povero me pare a me ca… Aggio disubbidito a mio padre… chillu mio padre… o ma però tu mi controlli allora scusa!
E non lo so!
E mi stai ‘ngull ‘ngull!
Si ma guarda nu poco pure all’ate, agg’ pacienza!
Me pare ca cell’haje proprio cummè stu fatt!
Si, ma guarda pure all’ate, nun guardà sul ammè!
Si ma in fondo nisciun è perfetto, ognuno tene È cose… No, no lo so tu si’ perfett!
No, stavo parlann’e nuje ccà, non ce l’avevo cuttè… no… A parte il fatto ca pure tu haje fatte i sbagli tuoi, eh… no, no, lascia sta che hai sbagliato pure tu, eh!
No, certe cose le hai… lasciati pregare se ti dico che hai sbagliato hai sbagliato!
È capitato certe volte… No, parla parla!
No, “lasciati pregare” era un modo di dire, subbito te miett in posa!
Non lo so!
Ma no, era ‘rint ‘o discorso… no, parla!
Si, era ‘rint ‘o discorso… No hai sbagliato!
Certe cose le hai sbagliate… Haje fatt’ tutt’e cose buon tu?
 Tu non haje mai sbagliato?
 Cioè, secondo te l’ippopotamo è bello!
Ja’… L’haje cumbinato ‘e chella manera l’ippopotamo!
Lascia sta… lascia sta… Ma te pare bello ca chillo adda sta semp rint all’acqua cumbinato e chella manera… Ma è logico ca si lamenta!
Poi bestemmia l’ippopotamo malamente… Ma si tu ‘o combini È chella manera…. No, no, no… mica sulo l’ippopotamo!
No, no tu pure ‘a foca haje sbagliato!
No tu a foca l’haje fatta a metà!
Ti si scurdato e c’fà e zampette a’a foca!
Ma perchè adda camminà ‘ngoppa a panza ‘a foca, scusa?
 È scomodo, è scomodo, nun da retta!
Ma no, è scomodo a camminà ‘ngoppa a panza!
E si lamentano, giustamente, si la mentano… No!
No, no, pure l’elefante!
L’elefante l’aggio sentute proprio je ca si lamentava!
E c’o fatto ca c’hai miss chella cosa annanz’all’elefante!
Si ma perchè c’hai missi chillu coso annanz all’elefate?
 Eh, stu fatt che… Vuliv fa ‘o serpente, vuliv fa’?
!
E fatti prima gli esperimenti a parte, scusa!
Ma no, per piacere… Ma è logico!
Ma si tu o stess jurn dell’elefante vuò fa ‘o serpente cioè ti vene n’elefante c’o serpente ‘ccà, no?
 E no, si fanno a parte sti cose!
Eh, ‘a fretta, ‘a fretta, ‘a fretta… Chi t’ha dett’attè di fa tutt’e ccose ind’a sei juorn?
!
No, no tu tenevi l’eternità annanzi, jevi con calma e faciv’eccose per bene… no, no, no, secondo me haje volut fa nu poco ‘o spaccone!
Non lo so… non lo so, qualche scummessa teniv… ma nun so cose ca se fanno int’a sei juorn!
E vabbè, chillo so animali, so animali… Che significa “so animali”?
 …Che poi pure gli uomini si lamentano, eh!
Si, l’aggio sentuti proprio je ca si lamentaveno… Eh, dicevano “però iss pure ha sbagliato…” Tu nun’è sient perchè chill’ parlano tutt’accussì… Si lamentano… Non lo so… ‘riceno ca tu hai fatto tutt’e cose a favore ‘ro ricco… C’ò povero è destinato a ‘jì all’inferno!
O povero adda fa perforza peccati!
Eh!
?
o fatto dei comandamenti!
“Non desiderare la roba d’altri!”… mo passa nu ricco allà e me vede: che tene ‘a desiderà chillo ‘e me, scusa?
!
‘O uaje è semp’ ‘o nuost!
Ma lascia sta’, so cose… “Non desiderare la donna d’altri”… Tu ‘a cunusc’a mia moglie no?
 No, siamo d’accordo!
Siamo d’accordo: quist’ è nu fatto mio… me lo dovevo guardare prima io… siamo d’accordo!
“Non fornicare”… che significa non fornicare?
 Tu saje ca je aggio fornicato senza sapè?
 No, je penzave ‘e furmiche!
Eh!
Penzave ‘e furmiche!
È venuto nu periodo c’camminavo accussì!
Me l’aggio vist brutt, lascia sta!
Ma non lo so… Ma non lo so penzave magari quist ci tene particolarmente co’ ‘e furmiche!
Ma che ne saccio!
Si ma perchè hai scritto non fornicare, scusa?
 Ma tu ‘o spazio o tenevi, scusa!
?
E tavole erano grosse!
Invece ‘e non fornicare scrivi non fate quelle… cioè non fate quelle cose… non fate quelle cose sporche accussì capiamo tutti quanti però!
E tu ti miett a scrivere non fornicare… Ma chi è che capisce non fornicare, scusa?
!
No… no, no, je so calm, guard… No, no je so calmissimo… no, no, no, ca’ se ci sta uno ca se sta innervosendo sì proprio tu!
Eh, je te vec tutto arraggiato!
Eh!
Stai tutto innervosito!
Eh, l’età, l’età, l’età… Lascia sta, lascia sta, ca tu pure quann’eri ggiovane eri accussì, eh!
Subito t’innervosivi!
Come no?
 Chella povera uagliona pe’ se’ mangià na mela facessi succedere n’ira di dio!
Stamm’ calm tutti quanti!
Eh, stamm calm!
E va bene!
Ma allora stamm’ calm tutti quanti, scusa!
Anzi, io sono venuto qua proprio perchè ti vulev’ parlà ‘e n’altra cosa… Je ti vuleva parlà ‘e n’atu fatt’… E che dio, uno sta parlann e chist… Si, aggio ditt “e che dio!” Mo, e che dio mica è na bestemmia!
Ma no l’aggio ditt’ rint ‘o discorso!
No je nun teng nient ‘a fa… je sto buono accussì… me ne vac… no, no, je nun teng nient ‘a me lamentà… je sto buon accussì… me ne vac!

Sketch del 1979 de “La Smorfia” (Massimo Troisi, Lello Arena ed Enzo Decaro) intitolato “Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!