Luis Sepúlveda
«Voglio sapere perché sono così lenta» […]

Luis Sepúlveda «Voglio sapere perché sono così lenta» […]

«Voglio sapere perché sono così lenta» sussurrò la lumaca.
Allora il gufo aprì i suoi enormi occhi rotondi e la osservò attentamente.
Poi li richiuse.
«Sei lenta perché hai sulle spalle un gran peso» spiegò il gufo.
La lumaca trovò la risposta poco convincente, il suo guscio non le era mai sembrato pesante, non la stancava portarlo e non aveva mai sentito un’altra lumaca lamentarsene.
Allora lo disse al gufo e aspettò che quello finisse di ruotare la testa sul collo.
«Io so volare ma non lo faccio.
Una volta, tanto tempo prima che voi lumache veniste ad abitare nel prato, c’erano molti più alberi di quelli che si vedono adesso. C’erano faggi e ippocastani, lecci, noci e querce.
Tutti quegli alberi erano la mia casa, volavo di ramo in ramo, e il ricordo di quegli alberi che non ci sono più mi pesa così tanto che non posso volare.
Tu sei una giovane lumaca e tutto ciò che hai visto, tutto ciò che hai provato, amaro e dolce, pioggia e sole, freddo e notte, è dentro di te, e pesa, ed essendo così piccola quel peso ti rende lenta.»
«E a che mi serve essere così lenta?» sussurrò la lumaca.
«A questo non ho una risposta. Dovrai trovarla da sola» disse il gufo.
E con il suo silenzio indicò che non voleva altre domande.

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Copyright © 2003-2020 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!