Citazioni

Luciana Littizzetto
Noi venimmo alla luce biologicamente […]

Noi venimmo alla luce biologicamente costruiti per essere autonomi come le caldaie.
Ma poi la storia dell’umanità subì una repentina inversione di marcia.
Adesso vi spiego.
Molte ere fa l’uomo primitivo viveva libero e indipendente, una foglia di fico per nascondere le pudenda e gli occhi pieni di spazio e orizzonti, poi a un certo punto gli successe qualcosa.
Improvvisamente, tornato dalla caccia e messosi a sbranare da solo una coscia di brontosauro nano sentì una necessità impellente.
Un bisogno incontenibile.
Un’urgente voglia di donna.
Di femmina.
Ma mica per soddisfare un impulso sessuale.
Tutt’altro.
Per un desiderio che partiva da più in alto.
Dallo stomaco.
L’uomo primitivo cercò una femmina sapete perché? Perché gli preparasse il contorno.
Due patate alla brace, una palletta di erbette, qualche asparago alla piastra.
Fu il suo tratto digerente a richiedere la presenza femminile.
E una fisiologica mancanza di fibre e vitamine a decretare l’unione tra lui e l’altro sesso.
Dall’esigenza del contorno nacque la convivenza.
I trattati di evoluzione non ne parlano ma io sono sicura che deve essere andata proprio così.
PS.: Poi l’uomo non sazio chiese alla donna di procurarsi la frutta.
Lei staccò una mela dall’albero…
e il resto è storia nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!