Jill Bolte Taylor
Mentre richiamavo alla mente […]

Jill Bolte Taylor Mentre richiamavo alla mente […]

Mentre richiamavo alla mente la strada per il McLean Hospital, il braccio destro mi ricadde paralizzato lungo il fianco e persi l’equilibrio.
Fu allora che capii.
Oh, mio Dio, è un ictus! È un ictus!
L’istante successivo, per la mente mi passò come un lampo un pensiero: È stupendo!
Mi sentivo come sospesa in uno stato di euforico stupore e, stranamente, esultai nel rendermi conto che quell’inatteso viaggio attraverso le complesse funzioni del mio cervello aveva un fondamento e una spiegazione fisiologici.
Continuavo a pensare: Quanti sono gli scienziati che hanno l’opportunità di studiare dall’interno le proprie funzioni cerebrali e il proprio deterioramento mentale?
Avevo dedicato l’intera esistenza a cercare di comprendere in quale modo il cervello umano crea la nostra percezione della realtà.
E adesso, quell’incredibile ictus illuminante!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su stumbleupon
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il Tuo Indirizzo Email non sarà pubblicato.

*

Vuoi leggere altro?

Copyright © 2003-2018 – Tutti i diritti riservati. – Disegnato e realizzato da Lio Saccocci

Pin It on Pinterest

Shares
Share This

Condividi se ti è piaciuto!

Dammi una mano, fammi conoscere ai tuoi amici!